Consigli di scrittura di Lisa O’Donnel

Curiosando sul web per il libro “La morte delle api” di Lisa O’Donnell, ho scovato sue dichiarazioni e consigli di scrittura che trovo geniali nella loro semplicità. E comprensibili, specie per chi si approccia allo scrivere. Non potevo passare oltre. Li riporto a seguire, spero possano esserti utili.

Scozzese, da sceneggiatrice ha ricevuto importanti premi. Non bastasse, dopo il trasferimento a Los Angeles, si misura con la scrittura di romanzi. La morte delle api è la sua opera d’esordio. 

Ho insegnato a molti studenti di talento e mi sono imbattuta in una prosa davvero incredibile. Ho elogiato quegli studenti, ammirato le loro frasi taglienti, le loro intuizioni mondane e il loro linguaggio così dolce che potresti versarlo su una frittella. Ma essere un grande stilista non basta se non hai una storia. Spesso i miei studenti vengono al corso con un’idea; un seme di una storia – e poi è il mio lavoro aiutarli a coltivare quel seme e farlo fiorire in un romanzo completamente formato.

Adoro lavorare con scrittori che hanno una grande idea per un romanzo, ma troppo spesso quel seme di un’idea non ottiene l’acqua di cui ha bisogno. È soffocato da belle parole e personaggi che sono effettivamente senzatetto perché lo scrittore non ha una storia a cui appartenere. Ricorda, le storie non dovrebbero essere troppo complicate: infatti un arco narrativo forte dovrebbe essere così semplice da poter essere scritto su un post-it – e questo è qualcosa che chiedo a tutti i miei studenti di fare nella prima settimana del loro corso. Possono quindi attaccare quei post-it sui loro laptop come promemoria costante di ciò che è al centro del loro romanzo.

Negli ultimi quattro anni, Lisa O’Donnell ha insegnato scrittura creativa; afferma che ciò che le dà un’immensa gioia è “dare agli studenti gli strumenti e il coraggio di cui hanno bisogno per scrivere la storia che sono venuti a raccontarmi”.

Lisa O’Donnell

“… Mi affido a immagini lucide per mantenere i miei lettori agganciati; credo che i fatti non siano mai lontani dalla finzione … è solo una versione della verità“.

“… Credo che l’osservazione sia fondamentale se si vuole essere uno scrittore … uno scrittore davvero bravo”.

“… Il linguaggio non è solo linguaggio, ma una nota all’interno di una melodia. Per fare in modo che qualcuno ti presti attenzione e ti ascolti, devi sforzarti di creare quella melodia“.

“… Spesso i libri cadono a pezzi perché gli scrittori non si fidano dei loro lettori e descrivono o sovrascrivono i dettagli dei personaggi”.


I consigli di Lisa O’Donnell per aspiranti scrittori

Sii semplice. Non esiste il blocco degli scrittori. Vai avanti e scrivi.

Una volta terminato, modificalo. Accetta che il tuo lavoro debba cambiare, che si evolverà. Unisciti a un gruppo di scrittori e osa inviare lì il tuo lavoro. Ho deciso di fare un corso di scrittura creativa DOPO che due dei miei libri, uno dei quali è stato un bestseller pluripremiato, sono stati pubblicati.

Dovresti essere in grado di presentare il tuo libro in una o due frasi. Come ha detto Steven Spielberg, “Puoi presentare qualsiasi idea di film in 27 parole”.

Non complicare eccessivamente le trame. Prendi cinque dei tuoi libri preferiti, estrai l’arco principale e sarai in grado di scrivere la storia in tre frasi o meno. Un esempio: uno squalo gigante nel mare e tre uomini che vanno nell’oceano per affrontarlo. Vinceranno? Questo è fondamentalmente Jaws , giusto?

Scrivi l’idea principale della tua storia su un Post It , attaccala sulla tua postazione di lavoro e fai riferimento ad essa frequentemente per rimanere in pista.

Una volta scritto, leggi il tuo libro ad alta voce. Dovrebbe suonare bene. Ogni pezzo di lavoro che scrivi dovrebbe avere la sua melodia, ritmo e ritmo. Questo attira i lettori, li tiene a sfogliare le pagine.

Il tuo obiettivo dovrebbe essere: quando un lettore chiude il tuo libro si dovrebbe sentire un po’ abbattuto perché non ascolterà la tua musica e vivrà senza il tuo personaggio.

Capire cosa NON ti serve in una narrazione è importante per portare avanti il ​​tuo romanzo. Non c’è spazio per tutto ciò che fa un personaggio. Scegli solo quelli che porteranno avanti la storia.

Un esempio: sono un grande fan di Jane Austen. Ma sai chi è Mary in Pride & Prejudice ? È una delle sorelle ma nessuno sa cosa fa se non suonare il piano. Domanda: hai bisogno di così tante sorelle nel romanzo? Probabilmente perderei almeno due delle sorelle. Fortunatamente per Jane Austen, non ero un editore nel 1800.


Lisa O’Donnell | Consigli per aspiranti scrittori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close